...poi il vento, tutto ricompone.

"Soffiando per una notte e un giorno il vento ha fatto il mare di neve. Il sole ha inondato di luce la sua opera. Qui impàri la libertà ed il mistero. La tua onda lunga solca le onde. Ti lega al sole."
da Volo con l'aquila _ Immagini e pensieri sulle Alpi Giulie_ Celso Macor

Lo senti? Arriva di lato...no, mi aspetta laggiù. Ora se n'è andato... Ecco che torna, ha il fruscio come voce e gli alberi come alleati. 


Sono salita sola, in una splendida giornata dal cielo cristallino, una di quelle giornate che seguono una debole nevicata notturna e il pienone dei giorni di festa. Difficilmente mi avventuro da sola, mi sento più a mio agio su una bici che sugli sci, ma Giuseppe non c'era e la salita è rientrata oramai nel mio quotidiano.
La giornata era talmente limpida e la mia fretta di calzare gli sci tale che non feci caso al fatto che il parcheggio era praticamente vuoto. Non incontrai nessuno, pensai perfino fosse la mia,  la prima traccia di quella giornata. Nel bosco solo il fruscio del vento...Superai il Rifugio e andai spedita verso le piste; questo tratto sotto le pareti e i prati ripidi tirati dal vento, mi attiva sempre un po di ansia...mi affrettai. Raggiunta la sella...fu un attimo. Il vento mi investì prepotente, la neve mi sferzò il viso in un continuo schiaffo, non riuscii a distinguere la pista battuta, eppure doveva essere lì, mi voltai...
mi scivolò in testa questa frase:
"e poi il vento, tutto ricompone..."
ero sola...

Il soffiare prepotente del vento aveva fatto chiudere l'impianto, mi sentii sciocca, ero forse l'unica ingenua ad essermi avventurata in una giornata così sulle piste furibonde di tempesta. Il panico mi aggredì, feci la cosa più sciocca che potessi fare: togliermi gli sci! Volevo togliere le pelli per scendere più velocemente. Affondai nella neve ventata fino alle ginocchia, tolsi i guanti frettolosamente per liberare gli sci mentre mi ripetevo : "Che sciocca, che sciocca! Giuseppe mi direbbe: solo tu sei capace di tali imprese! Che vergogna!_mi ripetevo_ Morire assiderata a pochi metri dal rifugio, che vergogna, proprio tu, Romina!"
Riuscii a scarponi slacciati a conquistare il terrazzo del Rifugio; da un lato speravo di incontrare qualcuno, dall'altro me ne vergognavo, "..che imprudente!", avrebbero pensato. Non vidi nessuno, mi rifugiai in un angolo, mi vestii, infilai le pelli nello zaino, e chiusi in fretta gli scarponi, volevo scendere al più presto, sicuramente subito sotto sarei stata al riparo dal vento, volevo uscire da quell'incubo!
Fu la discesa più dolorosa della mia vita, gli scarponi mi stringevano in maniera ossessiva, non capivo cosa accadesse, non sono una gran sciatrice ma sembrava avessi scordato ogni fondamentale. Non incontrai nessuno, nemmeno al parcheggio. 
Arrivata all'auto scoprii il perché di tanto dolore: era lo spessore della neve infilatasi tra la scarpetta e lo scafo quando, nella fretta e nel panico, tolsi gli sci e affondai nella neve.
Non dissi nulla a Giuseppe per diverso tempo.
E lui non disse nulla a me quando glielo raccontai.
Io non lo scordai più.

"Non serve andare lontano.
L'avventura succede in te"

Reinhold Messner

Inverno in Cinque Torri _ Photo @GIUSEPPEGHEDINA.COM

La location di questa mia avventura è il sentiero CAI 424_425: partendo da Bai de Dones (1889m), dal parcheggio degli impianti di risalita per le Cinque Torri, nel periodo invernale il sentiero diventa una splendida alternativa da percorrere con gli sci o a piedi per raggiungere dapprima il Rifugio Cinque Torri (2137m), a seguire il Rifugio Scoiattoli (2255m) e infine, attraverso una lingua battuta parallela alla pista, dedicata a scialpinisti e sci escursionisti, il Rifugio Averau in Forcella Averau (2413m).
 

E per chi non volesse imbattersi nel soffiare prepotente del vento, può sempre attendere l'estate e raggiungere le Cinque Torri in bicicletta.
E quindi potrebbe interessarvi leggere:
A volte si ha così tanta paura, per così poco pericolo.  

Vento, neve e cielo azzurro in Cinque Torri _ Photo @GIUSEPPEGHEDINA.COM